Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart
Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart
Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart Lato
Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart Lato 1
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart Lato
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart Lato 1

Impianto di Filtrazione Tangenziale NITOR CA 80 Smart - Usato



Richiedi Più Informazioni
Aggiungi al carrello

Descrizione

Filtro Nitor CA 80 Smart - Membrane PES

-Con Router Per Teleassistenza 

Filtro Tangenziale per Vino, Vini Spumanti, Aceto e Succo D'uva

Filtro tangenziale con membrane in materiale organico di tipo capillare (diametro interno circa 2 mm), porosità nominale 0,2 micron.

Particolarmente indicato per la filtrazione di succhi d’uva, vini, vini spumanti, aceti.

Il filtro Nitor è il jolly delle cantine, come supporto ed integrazione di filtri esistenti:

  • Per le filtrazioni difficili;
  • Per esigenze di bloccare i processi fermentativi;
  • Per ridurre i costi di esercizio dovuti a coadiuvanti di filtrazione e manodopera;
  • Per il controllo della fermentazione malolattica e minimizzare le perdite di prodotto.

Per OFFERTE/PREVENTIVI, richiedi MAGGIORI INFORMAZIONI!

Vantaggi

  • macchina estremamente compatta

  • assorbimento ossigeno ridotto quasi a zero

  • back wash “intelligente”

  • funzionamento completamente automatico, lavaggio incluso

  • inverters per pompa di alimentazione ed estrazione/backwash

  • specole di ispezione indipendenti per ogni membrana

  • valvole di esclusione indipendenti per ogni membrana

  • diagnosi automatica integrità capillari (punto bolla)

  • flussimetro - totalizzatore magnetico

  • Cip a bordo macchina

  • PLC Allen Bradley

Tecnico

1. Project Data

Unità Filtrante

  • 2 Pompe di circolazione centrifughe contrapposte, 1.450 r.p.m. ad elevata portata e bassa prevalenza.
  • Moduli filtranti a fibra capillare.
  • Dispositivo di back wash con pompa per il decolmataggio periodico delle membrane in controcorrente, durante il ciclo di filtrazione.

Modulo Filtrante

Configurazione cava
Materiale PES
Diametro interno  mm 1,5
Porosità nominale  µm 0,2
Superficie filtrante cad. m² 20
Spessore parete mm 0,4
Spessore capillare mm 2,3

Il filtro è eseguito con parti a contatto del prodotto in acciaio inox AISI 304.

L’impianto viene fornito con membrane già attivate.

Al primo collaudo è necessario un buon risciacquo con acqua a 45°C seguito da neutralizzazione con detergente acido all’1%.

Dati Tecnici:

Moduli componenti il filtro  n.  4
Superficie filtrante m²  80
Massima torbidità in alimentazione, ca.
NTU 600
Occasionalmente può sopportare, ca. NTU 1.500

Eventuale presenza di tracce di carbone e bentonite vengono tollerate solo sul retentato

Portate:

Vino bianco  Hl/h  24-80
Vino rosso
Hl/h 
20-56
Vino spumante: (***)

Succo d’ uva 
Hl/h  20-48
Aceto Hl/h  12-24
Potenza totale installata:  kW
 
(***)
Portata Vino Spumante  Hl/h
24-80
Pressione di esercizio bar 6

Servizi richiesti:
Azoto a 6 bar Nm³/min
48
Le portate si riferiscono a prodotti chiarificati, travasati e senza glucani, con temperatura superiore ai 15°C. Con temperature inferiori le portate diminuiranno del 2,5-3% per ogni °C in meno

Dimensioni d’ingombro:

lunghezza mm 2.200
larghezza
mm
1.000
altezza mm 1.850
Peso dell’ impianto a vuoto 
kg 850
Peso dell’ impianto in lavorazione  kg

1.250

L'operazione

Descrizione Dell'Operazione

La filtrazione in flusso tangente o "crossflow" ha in comune con la filtrazione tradizionale il fatto di realizzare la separazione utilizzando, come mezzo filtrante, la membrana e di avere come forza direttrice una differenza di pressione.

II principio della filtrazione tangenziale può essere facilmente descritto riferendoci alla figura seguente.

 

II flusso del liquido (da filtrare) che intercetta la membrana non è perpendicolare al setto poroso, ma è tangenziale allo stesso. Questo fatto diminuisce la formazione e l’accumulo sulla superficie interna delle membrane di quello strato di materiale in grado di intasare i pori rendendo necessarie frequenti pulizie o addirittura la sostituzione dello stesso setto filtrante.

Il prodotto da filtrare è forzato sotto pressione a scorrere lungo la superficie della membrana trascinando con se le particelle ritenute, in modo che lo strato di deposito (gel di polariz- zazione) resti relativamente sottile e la resistenza alla filtrazione resti bassa. Questo permette di mantenere una portata di filtrazione per periodi di tempo prolungati.

Nella filtrazione tangenziale solo una frazione del prodotto alimentato passa attraverso la membrana. Questa frazione viene chiamata “permeato” o filtrato. Il rimanente volume di alimentazione scorre lungo la superficie della membrana ed esce dal modulo di filtrazione con un contenuto di solidi maggiore rispetto a quando è stato introdotto nell’impianto. Questa frazione, chiamata “retentato”, è una conseguenza della filtrazione tangenziale.

Un’inversione del flusso di circolazione del filtrato (dall’esterno all’interno della membrana), detto “backwash” o “backflushing”, permette ulteriormente di controllare il deposito di materiale colmatante sulla superficie della membrana che esplica due effetti: diminuzione di portata di filtrazione e costituzione di una membrana con porosità più stretta.

Per il succitato motivo è possibile mantenere delle rese di filtrazione costanti nel tempo anche con liquidi ad alta torbidità ed elevato potere intasante.

La separazione mediante membrana è ottenuta grazie alla dimensione dei pori (effetto setaccio).

Spedizione

EX-WORKS Spagna




Richiedi Piú Informazioni

Compila il modulo sotto per essere contattato dai nostri sperti